10 giugno 2017 • Nessun commento

Perché visitare la Calabria: le mete più richieste dai turisti

Mare

Quali sono i motivi che spingono sempre più viaggiatori a scegliere la Calabria come meta per le vacanze? Il fenomeno riguarda in primo luogo i turisti stranieri, che in questa regione hanno trovato un luogo dove rilassarsi grazie al clima gradevole (tanto in inverno quanto in estate), deliziare il palato con i piatti della saporita tradizione culinaria locale, e infine scoprire le radici della civiltà visitando i reperti archeologici della Magna Grecia.

I cronisti dei più autorevoli giornali esteri sono stati i primi a esplorare la Calabria e a raccontarla con accenti differenti dal solito, perciò non deve sorprendere l’inclusione della Calabria fra le 52 mete da vedere nel 2017 secondo il New York Times (l’articolo è disponibile qui: www.nytimes.com).

Nell’articolo, firmato da Danielle Pergament emergono alcune eccellenze del territorio e viene voglia di approfondire.
Ecco perché visitare la Perla del Tirreno, Tropea e alla Costa degli Dei, dove sorge il Tonicello villaggio vacanze in Calabria che offre numerose attività sia sulle splendide spiagge di capo Vaticano, sia nel magico entroterra.

Foto Tropea in primavera credits: Roberto Lorenzo
https://www.facebook.com/robertolorenzo.photography/

Tropea, una perla da scoprire

Se volessimo sintetizzare le peculiarità di questa regione in una località, Tropea potrebbe fare al caso nostro, poiché è situata su un terrazzo a circa 70 metri sul livello del mare, vanta un centro storico di origine medievale, è caratterizzata da splendide spiagge sabbiose e acque limpide, inoltre ha una ricca tradizione gastronomica (basti pensare alla cipolla rossa, il peperoncino, la ‘nduja e l’olio extravergine di oliva, prodotti essenziali in molte ricette calabresi).

Solitamente si pensa a Tropea come a una meta esclusivamente estiva, ma anche in bassa stagione riserva non poche sorprese, del resto qui si può fare il bagno anche in aprile o a ottobre, come dimostrano alcune delle foto di questo articolo.

Foto Tropea spiaggia, credits: Roberto Lorenzo
https://www.facebook.com/robertolorenzo.photography/

Riguardo alle spiagge, la scelta è davvero ampia: una delle più celebri è la spiaggia della Rotonda, riconoscibile per lo scoglio di San Leonardo; la spiaggia ‘a Linguata, una delle più grandi, raccomandata per fare immersioni; la spiaggia del Convento, sovrastata proprio da un convento che crea un’atmosfera particolare in questo scorcio del litorale; la spiaggia di Passo Cavalieri, la preferita da chi viene dall’estero per fare una nuotata nel Mar Tirreno; la spiaggia del Cannone, più piccola rispetto alle altre, è perfetta per chi preferisce la tranquillità e il silenzio e non ama stare in spiagge affollate.

Foto Tropea, affaccio del Cannone, Credits: http://www.turiscalabria.it/

Capo Vaticano, distante una decina di chilometri da Tropea, è senza dubbio la punta di diamante della cosiddetta Costa degli Dei, in virtù della posizione a picco sul mare, dei fondali meravigliosi e delle grotte da raggiungere in barca o a nuoto.

Questa piccola località ha incantato, nel corso degli anni, numerosi viaggiatori che hanno scelto di fermarsi qui a vivere, come il veneto Giuseppe Berto.
Qui, inoltre, si può visitare il faro, punto panoramico da cui colmare lo sguardo con il paesaggio inimitabile della costa tirrenica, lo Stretto di Messina e le Isole Eolie che si intravedono all’orizzonte.

Foto Costa degli Dei Credits: Pasquale Lasorba

Se preferite venire in Calabria in autunno o inverno, sappiate che le temperature miti, prive di sbalzi improvvisi, favoriscono passeggiate ed escursioni. Potreste iniziare dalla chiesa di Santa Maria dell’Isola a Tropea, gioiello architettonico che impreziosisce il panorama circostante, poi fare shopping nei negozi e nelle botteghe del centro, alla ricerca di prodotti gastronomici da portare a casa o creazioni artigianali realizzate come si faceva un tempo.

Grazie alle distanze ridotte è semplice organizzare una gita fuori porta da Tropea ad altre località della provincia di Vibo Valentia, ad esempio Pizzo, dove si svolge una rievocazione storica molto originale.

 

Foto Pizzo, Giornate Murattiane Credits: http://www.turiscalabria.it/

Se visitate Pizzo a ottobre, non perdetevi le Giornate Murattiane, incentrate su Gioacchino Murat, sbarcato, arrestato e fucilato a Pizzo il 13 ottobre del 1815. La rievocazione consiste in una serie di spettacoli che ricostruiscono gli avvenimenti di quel periodo esattamente nei luoghi in cui sono accaduti: il Castello, le strade del borgo, la spiaggia.

Come dimostra questo evento, ogni stagione offre validi motivi per venire in vacanza in Calabria, per questo è consigliabile non attendere le giornate più calde e prenotare al più presto un soggiorno con vista sul mare.



Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
wpDiscuz