28 maggio 2015 • Nessun commento

Itinerario in Maremma: dal vulcano alla laguna

In Toscana

Torno a parlare della mia amata Maremma… Ritrovandosi a percorrere la Maremma toscana, respirando i profumi di questa magica terra ed osservando il variegato susseguirsi del paesaggio, spesso ci si ritrova a ricordare, anche senza accorgersene, i versi imparati a memoria durante gli anni della scuola dell’obbligo. Non importa quanto tempo sia trascorso da allora, guardando le alture all’orizzonte riaffiora istintivamente alla mente di chiunque l’abbia mai studiata, la parte finale della poesia Traversando la Maremma Toscana del Carducci, e precisamente, “[…] Ma di lontano / pace dicono al cuor le tue colline”.
Quando si è immersi nello scenario maremmano, le parole del poeta, che tanto ha amato questi luoghi, si intrecciano con la realtà per trovare puntuale riscontro in essa. È per rendere omaggio a questo panorama unico al mondo che oggi parlo di un percorso che attraversa trasversalmente la bassa Maremma, un itinerario che interessa l’area grossetana, dalle colline alla laguna, lungo le località in cui sorgono diversi punti di ristoro.

Il mio itinerario, lungo poco più di un centinaio di chilometri, inizia dal Monte Amiata e conduce alla laguna di Orbetello, incrociando, in prossimità di Sorano, la cosiddetta strada del vino. Il tragitto è percorribile in automobile in circa due ore e mezza (escluse le soste nei punti di interesse intermedi) ma è consigliabile prendersi del tempo per visitare come si deve le caratteristiche località della Maremma Toscana.

monte-amiata-veduta-panoramica

Si parte! Lasciandosi alle spalle il promontorio conosciuto come “il vulcano della Toscana”, è necessario imboccare la strada provinciale del Monte Amiata, che costeggia a tratti il confine con il Lazio, in direzione Sorano – Pitigliano, due piccoli centri nell’entroterra maremmano in cui sono ben visibili reperti archeologici etruschi e romani.

Dopo circa un’ora di marcia si giunge a Sorano, la “Matera della Toscana”, un piccolo paesino che conserva l’antica struttura medievale e si erge su uno scosceso sperone di roccia. Particolarmente suggestive sono le vie cave, passaggi a cielo aperto scavati nel tufo in epoca etrusca ed ancora percorribili: conducono alle necropoli etrusche attraverso il bosco. Del centro storico, invece, sono da ammirare il Masso Leopoldino, la chiesa di San Niccolò, il Palazzo Comitale.

pitigliano-citta-del-tufo-maremma

Proseguendo lungo la strada del vino si arriva a Pitigliano (rinomato e assolutamente da provare il Bianco di Pitigliano), dista appena una decina di chilometri da Sorano e ne condivide l’architettura tufacea, con le case in pietra che si confondono con la roccia sopra la quale sono edificate. Le piccole botteghe artigiane e il profumo delle pietanze tipiche che inonda le viuzze valgono una passeggiata per il centro fino ad incontrare l’eredità che la famiglia Orsini ha lasciato nel Rinascimento: il Duomo, la Fortezza, il Palazzo. Al pari di Sorano, questo piccolo borgo vanta vie cave e colombare, nicchie scavate nel tufo che si presume costituissero abitazioni primitive. La presenza di un’ampia comunità ebraica fin dai tempi medievali gli è valsa l’attribuzione dell’epiteto di “piccola Gerusalemme”.

La strada del vino conduce, dopo una mezz’ora di strada, a Manciano, attraversato dai due fiumi Fiora ed Albenga. Il borgo è meno suggestivo dei precedenti dal punto di vista architettonico, ma garantisce comunque un’ineguagliabile vista sulla vallata e le campagne sottostanti che domina dall’alto della collina.

Infine, lasciata la strada del vino, seguendo le indicazioni per Porto Ercole, si arriva alla destinazione finale: Feniglia, tombolo inferiore della laguna di Orbetello. Si tratta di una riserva naturale accessibile a piedi o in bicicletta che conduce direttamente alla spiaggia. Se intendete esplorare le zone limitrofe, come ad esempio le terme di Saturnia, Orbetello, il Monte Argentario, Talamone e Capalbio è consigliabile effettuare il pernottamento in un agriturismo in Maremma e proseguire il giorno successivo.

maremma

Quando vi trovate nella Maremma Toscana, non dimenticate di provare la selvaggina nell’entroterra e l’ottimo pescato fresco in prossimità della laguna accompagnato dai vini doc.

Per chi è alla ricerca di un agriturismo in Maremma, l’agriturismo Peretti offre sistemazioni confortevoli (camere ed appartamenti) a soli pochi chilometri dal mare dell’Argentario e dalla città di Orbetello, con una produzione esclusiva di olio extravergine biologico che è tutto da gustare.

veduta-aerea-agriturismo-peretti



Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
wpDiscuz