Promo »

20 gennaio 2012 – 09:32 | 49.867 views

Dopo i monumenti e lo sport, ecco il vero punto di interesse: il cibo! Chi mi segue su IO AMO FIRENZE sa quanto l’aspetto culinario sia importante per me.
Dove mangiare bene a Madrid
Plaza del Sol, …

Leggi l'articolo completo »
Weekend in Italia

Le città d’arte: da Firenze, Venezia, Roma ai borghi nel Chianti, in Umbria o in Trentino.

Mare

La Toscana, il Sud dell’Italia, la Grecia, la Spagna, il Mar Rosso, cercando l’acqua cristallina.

Viaggi in Europa

Le capitali che non ti stanchi mai di vedere: Londra, Madrid, Parigi, Dublino.

Natale e Capodanno

I mercatini di Natale e le idee per festeggiare l’ultimo dell’anno.

Grandi viaggi

Il mio viaggio in Giappone, a New York, in Tailandia e in Africa, per ora!

Home » Weekend in Italia

Una domenica pomeriggio nel Chianti

Inserito da on 22 aprile 2012 – 21:30No Comment | 3.925 views

Vigneti del Chianti e tetti tipici toscani: il panorama più bello!

Fine Aprile può essere il periodo migliore per fare un giro nel Chianti anche se si ha poco tempo. Una domenica pomeriggio che non sapevo cosa fare e il tempo era incerto, anche se poi si è rimesso alla grande, ho deciso di prendere la macchina e andare in una parte del Chianti che conosco meno. Partendo da Montevarchi (ero a dormire all’Hotel il Viandante) mi sono diretta verso il Chianti, lungo la strada dei Castelli del Chianti.

La strada dei Castelli del Chianti

Il cartello (un po’ rovinato) che segna l’inizio della Strada dei Castelli del Chianti

Ho scoperto che ci sono ben 7 itinerari diversi. Visto che avevo poco tempo (erano già le 16 e volevo tornare a casa per cena), mi sono diretta verso Gaiole in Chianti, che è veramente vicino. Il paese è piccolino e in “buca” quindi forse meno bello di altri comuni e borghi, ma secondo me ci sono comunque alcuni scorci carini, soprattutto lungo il piccolo torrente Massellone, che scorre in centro al paese. Se vi viene voglia di un caffè vi consiglio il Barrino, dove una simpatica signora un po’ in carne vi può preparare un ottimo caffè o cappuccino. Se il centro di Gaiole non è fra i più belli, ci sono nei paraggi diversi castelli da visitare, come il Castello di Brolio appartenuto alla famiglia Ricasoli e la Badia a Coltibuono, ex abbazia dei monaci di Vallombrosa trasformata in famosa azienda vinicola. Purtroppo ci ho pensato tardi, altrimenti un tour alle cantine lo avrei fatto volentieri!

Da Gaiole in Chianti a Radda

Da Gaiole consiglio di prendere verso Vertine. Appena saliti fuori dal paese passerete davanti al Castello di Spaltenna che oggi è struttura ricettiva e ristorante, e ingloba una bella pieve romanica del X secolo. Da lì seguite le indicazioni che portano verso San Donato in Perano, lungo il percorso dell’Eroica, celebre corsa ciclistica.

Il Castello di Spaltenna con la pieve romanica del X Secolo

Il primo borgo che incontrerete è il bellissimo Castello di Vertine, all’interno di un borgo medievale tenuto molto bene: da ammirare la torre del cassero a fianco della porta e la chiesa di San Bartolomeo. Anche qui possibilità di dormire e mangiare.

La Chiesa di San Bartolomeo – Castello di Vertine

Subito fuori il paese parte una strada bianca (ma tenuta molto bene) che conduce al Castello di San Donato in Perano, una dimora storica che domina il paesaggio, lungo colline sagomate da cipressi e segnate da vigneti pressochè ovunque. Una volta raggiunta e superata la bella struttura ricettiva si raggiunge nuovamente la strada provinciale che porta a Radda in Chianti.

Le vigne fra i castelli di Vertine e San Donato

Più turistico, ma comunque carino, Radda è un piccolo Comune di origine medievale (anche se nei paraggi sono stati ritrovati resti di oltre 2000 anni fa) patria del Chianti Gallo Nero: ha un bel centro storico racchiuso dalle antiche mura, e tanti ristoranti ed enoteche dove fermarsi.

Radda in Chianti

Se volete assaggiare e acquistare ottimi vini, siete nel posto giusto. Ho adocchiato un’enoteca dove in vetrina campeggiavano bottiglie di Le Pergole Torte 2008 Montevertine, Sassicaia annata 2004 Tenuta San Guido, Chianti Classico 2000 e 2001 Castello di Ama ecc. Nel paese da vedere c’è la piazzetta centrale, con il palazzo del Podestà ricco di stemmi sede della lega del Chianti, la ghiacciaia granducale, il camminamento medievale. Da non perdere una passeggiata lungo le mura per ammirare il panorama tutto intorno.

Il panorama che si ammira dalle mura di Radda in Chianti

Se volete solo bere un bicchiere di Chianti senza troppe pretese e spiluzzicare qualcosa, spendendo poco, suggerisco una sosta al Bar Dante, proprio davanti al Relais Vignale, gestito da una coppia simpatica di origini straniere. Per 4 € potete bere un buon Chianti Riserva e con 5 € avere qualche crostino misto.

Un semplice bar dove bere un bicchiere di Chianti Classico per 4 €

Ad avere tempo in realtà avrei voluto fare qualche visita guidata e wine tasting nei castelli più famosi: Castello di Ama, Castello di Albole, Castello di Meleto, Castello di Brolio (a pochi km da Gaiole), la Badia a Coltibuono ecc. Ci dovrò tornare con più calma!

Tag:,