3 Dicembre 2020 • Nessun commento

Il Castello di Sammezzano

In Toscana

Esiste un luogo magico in Toscana, che pochi conoscono, forse perché è chiuso da tanti anni, un castello che ricorda una reggia fatata.

Il Castello di Sammezzano fu voluto dal marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona: politico, botanico, imprenditore, intellettuale nonché uomo geniale che immaginò le sue architetture.

Nonostante la sua architettura eclettica, l’intero progetto venne disegnato SENZA VIAGGIARE: tutte le sale del castello – che richiamano alla mente architetture moresche, indiane, bizantine – furono ideate basandosi esclusivamente su libri di architettura e di narrativa orientale.

Un luogo che ricorda l’Alhambra di Granada o il Tāj Maḥal in India. Si dice che abbia 365 stanze, una per ogni giorno dell’anno.

Su queste pareti vennero inseriti simboli massonici ed esoterici che parlano ancora oggi dell’Italia della seconda metà dell’800.

La Storia del Castello di Sammezzano

Il palazzo ha origine lontane: dai ruderi di epoca romana, alla fortezza medievale. Per un certo periodo è stato anche di proprietà dei Medici, che però lo hanno venduto nel 1596 quando il Granduca Ferdinando I de’ Medici cedette la tenuta di Sammezzano a Ferdinando di Odoardo Ximenes di Aragona, la cui famiglia è originaria della Castiglia.

Ma è appunto nel 1800 con il marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona che subì la trasformazione che lo ha portato a essere quello che è oggi.

Per realizzare gli incredibili decori interni, venne costruita una fornace nel parco. Parco che merita anch’esso una menzione, non foss’altro per le sue sequoie (ci trovate anche la Sequoia gemella con i suoi 53,96 metri è il secondo albero più alto d’Italia).

Durante la Seconda Guerra Mondiale viene depredato dai nazisti e poi occupato dagli alleati.

Negli anni ’70 e ’80 è un hotel di lusso, con campo da golf e ristorante. Poi dagli anni Novanta la chiusura e il successivo abbandono.

Il Castello di Sammezzano in Toscana: una reggia incantata che ricorda

Il Castello di Sammezzano oggi

Il Castello è oggi chiuso. In rare occasioni sono state organizzate visite guidate straordinarie da un movimento che si chiama Save Sammezzano che sta cercando di portare avanti un recupero e la possibile riapertura.

Al momento della scrittura di questo post è attiva una campagna per segnalarlo come luogo del cuore al FAI.

Trovate tutte le informazioni sul sito

www.savesammezzano.com

Dove si trova il Castello di Sammezzano?

A Leccio vicino Reggello, in Valdarno (fra Firenze e Arezzo), in Toscana. Dall’autostrada si intravede (a volte è illuminato col tricolore), ma da fuori non rende l’idea del fasto che conserva al suo interno.

Sarebbe davvero un peccato che tanta bellezza restasse chiusa al pubblico.

5 2 votes
Article Rating


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments