14 agosto 2014 • 1 commento

Alla scoperta del Conero

Mare

Mi è capitato di spendere qualche giorno sulla riviera del Conero, in località Marcelli di Numana. Da bambina ho passato estati intere vicino a Fano, ma non ero mai scesa più a sud, pertanto l’idea del mare delle Marche, per me, era sempre quella di un orizzonte piatto e privo di alture.

conero marche al tramonto

Invece la cosa che ti colpisce qui è il profilo del Monte Conero che si staglia netto, a picco sul mare, e si vede a km di distanza. La zona è molto bella perchè da una parte hai il mare, sul quale appunto svetta il Conero, mentre dall’altra parte, dolci colline si perdono a vista d’occhio con filari di vigneti, campi coltivati, paesi più o meno importanti – impossibile non notare l’imponente Santuario di Loreto – e un paesaggio rurale degno di un dipinto.

2 cose da sapere sul mare del Conero

La spiaggia è di ghiaia fine, di colore chiaro. Non è fastidiosa, ho visto bambini che scorrazzavano senza problemi, ma se vi aspettate la sabbia finissima, non la trovate. Se avete piedi delicati, dotatevi di scarpette. In compenso nei punti in cui è più chiara, diciamo pure bianca, fa effetto rinfrangente e quindi vi abbronzate il doppio del normale!

conero marcelli di numana

L’acqua è abbastanza fonda. Dopo pochi metri già non si tocca più. La cosa cambia alle Due Sorelle dove il fondale digrada più lentamente. Per i bambini, basta un bel salvagente o braccioli e la cosa si risolve senza drammi.

Cosa vedere

Le due sorelle

Mentre vi rilassate sul lettino sulla spiaggia, vedrete passare le navi che organizzano escursioni giornalierie per “Le due sorelle”, un punto molto suggestivo della scogliera, raggiungibile via mare, così chiamato per via di due scogli gemelli molto affascinanti.

Schermata 08-2456884 alle 11.53.26

Ho avuto anche io il piacere di fare questa escursione di una mezza giornata (si parte alle 9 e si riparte a mezzogiorno, ma fra spostamenti, ecc. dura circa 2 ore). E’ piacevole perchè si ha modo di passare davanti a Numana e Sirolo e vederli dal mare. La barca vi lascia alla spiaggetta delle Due Sorelle e vi viene a riprendere all’orario concordato.

spiaggia due sorelle conero

Tenete presente che lì non c’è niente: nè bar, nè ombra. Quindi organizzatevi. Portatevi maschera e boccaglio perchè è pieno di pesci. Il costo dell’escursione è di 20 € andata e ritorno, a persona. Vi consiglio di andarci la mattina presto, perché le motonavi che scaricano i turisti a orde di 50/100 per volta, sono numerose. In men che non si dica, la piccola spiaggetta sarà piena di bagnanti!

due sorelle conero

Porto Recanati

Ci sono arrivata in bici da Marcelli. Veramente piacevole pedalare lungo mare, in parte c’è anche una pista ciclabile. Il piccolo paesino è tenuto molto bene, con case più vecchie, di fianco a nuove costruzioni che tutto sommato sono ben inserite nel contesto. Graziosa e ben tenuta la passeggiata pedonale lungomare.

Sirolo e Numana

Non potete ripartire senza aver fatto due passi a Sirolo e Numana, la perla del Conero. Se non altro per ammirare il panorama che si gode dai due belvedere. Sono entrambe graziose, e discretamente affollate. Nelle serate estive troverete spettacoli vari.

numana di notte

Personalmente ho adorato la scalinata di Numana e la terrazza con la torre medievale, residuo di un campanile datato XIV secolo, facente parte la Chiesa di S.Giovanni Battista, demolita nel 1734. L’impressione è di grande cura anche negli spazi pubblici. Nella piazza della terrazza mi dicono siano da provare – seppure cari – i due ristoranti: Da Alfredo e la Torre.

Ci sono molti altri posti che varrebbero la pena di essere visitati: da Portonovo, al santuario di Loreto, ad Ancona stessa, ma la mia breve permanenza non mi ha permesso molto di più. Dovro’ tornarci!

Dove mangiare 

Se amate il pesce, nella Riviera del Conero vi potete sbizzarrire: ci sono tantissimi posti dove mangiare le specialità locali. Come le cozze di Portonovo, che qui si chiamano Muscioli e sono in effetti diverse da quelle che si mangiano altrove. Se andate prima di Ferragosto potete anche assaggiare le cicale e altre specie protette, prima del fermo pesca. Fra i vari ristoranti vi segnalo questi due.

Ristorante Acquamarina

Per una serata speciale, scegliete questo ristorante sulla spiaggia di Numana, all’altezza di Marcelli. I tavoli sono separati dagli ombrelloni color Tiffany, da una corda marina.

cena romantica sulla spiaggia

Candele immerse nella sabbia, una luna piena piazzata lì quasi per magia, tavoli bianchi e un servizio cortese, fanno di questo posto un luogo magico anche a prescindere dal cibo. Se poi ci aggiungete una cucina attenta alla qualità, con un cuoco, Marco Virgili, che ha lavorato anche con Moreno Cedroni, che ama il crudo – da accompagnare con qualche bella bollicina – e sceglie solo i pesci più freschi… ecco che capirete come mai una cena in questo ristorante, che di certo non costa poco, sarà un’esperienza indimenticabile.

spaghetti alle vongole

Ho assaggiato l’antipasto misto di crudo con un buonissimo baccalà abbinato alla cipolla e un salmone con agrumi altrettanto azzeccato. Ho apprezzato gli spaghetti con pesto di menta, zucchine e vongole, forse solo un pelino scotte, e mi è piaciuta la grigliata, che qui cuociono con il pangrattato. Interessante anche la selezione dei distillati e tisane! Un posto da segnarsi in agenda. Cena sui 70 € a testa.

Acquamarina Via Litoranea 209 tel 071 – 7390870 http://www.acquamarinanumana.it

Ristorante Giuliamare

Alcuni amici del posto ci hanno portato in questo ristorante / bar dall’aria molto informale, gestito con passione da una neo mamma, che negli anni ha messo a punto uno staff motivato e collaudato. Da semplice bar è diventato un ristorante di tutto rispetto dove mangiare ottimi calamari. Ma non sottovalutate anche gli antipasti che in più portate vi faranno provare varie golosità. Cena sui 40 € a testa.

Dove dormire vicino Numana

De Angelis Resort

E’ una struttura enorme, capace di ospitare migliaia di persone, senza che nessuno dia noia agli altri. Divisi fra camere in hotel, residence, bungalow in legno e villette nel verde, ce n’è per tutti i gusti.

piscina de angelis resort

Hai i servizi di un villaggio, come ad esempio l’animazione (bravissimi i ragazzi dei balli caraibici), le infrastrutture sportive (bella la piscina, tenuto benissimo il campetto da calcetto e bello il percorso degli ulivi) e la spiaggia attrezzata, ma hai anche la possibilità di farti la spesa e cucinarti in casa, se preferisci!

villette deluxe deangelis resort

Io dormivo in una villetta in mezzo al verde, con oleandri, palme e pratino all’inglese. La casetta era composta da cucina soggiorno con tutto il necessario per cucinare, camera da letto e bagno. Un bel balcone in legno e due sdraio! E la vista era sulle colline retrostanti. Un silenzio per dormire benissimo!

Ci sono anche strutture in legno, più piccole, sempre con cucina e terrazzino, che mi ricordano certi cottage del Nord Europa!

deangelis resort

A pochi passi (5 minuti a piedi) c’è il lungomare con la spiaggia convenzionata. Comodissima. Nel complesso direi che è una struttura molto adatta a famiglie con bambini (hanno anche mini club), ma ho visto anche coppie giovani (dopocena ci sono feste in spiaggia o di ballo).

Per info: http://www.villaggiocentrovacanzedeangelis.it/

Voglio infine fare un saluto alle mitiche Sara, Elisa e Federica che hanno in qualche modo condiviso con me questi giorni di vacanza. E’ sempre piacevole incontrarle, confrontarsi, parlare di storie vissute. Con loro mi sento così “normale” a viaggiare sempre con iPad, iPhone, ecc.!!!



Lascia una recensione

1 Comment on "Alla scoperta del Conero"

Notificami
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
trackback

[…] Ferragosto nelle Marche, sulla riviera del Conero. […]

wpDiscuz