8 agosto 2016 • Nessun commento

Il Lago di Ledro

Weekend in Italia

Il Lago di Ledro è probabilmente meno famoso rispetto al Lago di Garda, ma ha un fascino tutto suo. Le sue acque tendenti al verde, la ricca vegetazione che gli cresce intorno, le case dai balconi ricolmi di gerani rossi, lo rendono suggestivo e, perché no, pure fotogenico.
E’ piuttosto tranquillo, anche quando c’è tanta gente, non troverete confusione, forse perché la gran parte di chi viene qui è molto rispettosa dello spazio altrui. Molti sono tedeschi, ma anche gli italiani si adattano a un quieto vivere gli spazi comuni.

acqua_lago_di_ledro

L’avevo visitato da bambina e poi a 20 anni. Ci sono tornata un caldo sabato di metà luglio, dopo decenni che non venivo da queste parti, e mi è piaciuto per le spiaggette e i prati dove sdraiarsi, prendere il sole, fare un pic nic e giocare con i bimbi.

spiaggia_lago_ledro

Il tutto è tenuto molto bene. L’erba è tagliata, non ci sono cartacce né rifiuti, a proposito non ci sono neppure i cestini! alcuni cartelli spiegano che si vuole limitare il rifiuto indifferenziato, incoraggiando a usare i cassonetti differenziati; se proprio non si sa dove buttare l’immondizia si viene invitati a riportare tutto a casa!

nocestini

Il risultato? tante famiglie e coppiette che si rilassano: chi dopo un giro in bici sulla ciclabile, chi col cane (c’è una spiaggia apposita), chi con bimbi piccolissimi.

lago_di_ledro

Ci sono aree gioco per bambini con la sabbia, altalene e scivoli, campi da Beach Volley, e addirittura a Pieve un edificio con bagni pubblici, docce e spogliatoi.

Per gli sportivi, intorno al lago c’è una bella pista per camminare o pedalare. E’ un percorso che da Pieve, passando da Mezzolago, arriva fino al Municipio di Molina di Ledro. In tutto sono 9042 metri, che secondo i cartelli può essere percorso in un paio d’ore (andata/ritorno) comprese 3 piccole pause, se non siete esperti camminatori.

pista ciclabile lungolago

L’acqua del lago è fresca, ma si riesce a fare il bagno anche se siete freddolosi come me. Poi se vi guardate intorno vedrete bambini tedeschi che entrano in acqua senza tante storie. La spiaggia e il fondale è di sassolini piccoli, se vi danno noia basta procurarsi le scarpette apposite.

bimbi_acqua

In vari punti ci sono moli con la possibilità di noleggio canoe, pedalò o noleggio e scuola di windsurf (13 € l’ora).
Le spiagge più ampie sono a Pieve o Molina (foto qui sotto) con prati ombreggiati dagli alberi (non serve l’ombrellone).

spiaggiasullago

Dove dormire

Intorno al Lago ci sono 2 campeggi e diversi hotel. Uno molto ben posizionato è l’Hotel Lido, a Pieve, proprio fronte lago. E’ un albergo 3 stelle, con ristorante di cucina tipica (che non ho provato). Hanno anche una piscina coperta. E’ quel genere di posti molto tranquilli da “primo” weekend romantico. Potete prenotarlo anche su Booking>>

hotel_lido Se siete in zona, fate una pausa golosa a La Bottega, un chioschino in legno poco più avanti (alla rotonda della chiesa girate a sinistra): vendono formaggi trentini, miele e dolci tipici. Ottime le crostate casalinghe ai frutti di bosco.

Le Palafitte

Una delle cose per le quali è famoso il lago di Ledro, sono le palafitte: già 4000 anni fa, ovvero durante l’Età del Bronzo, l’area era abitata. Nel 1929 durante alcuni lavori venne abbassato il livello dell’acqua e furono scoperti circa 10.000 pali, che servivano per le palafitte; in seguito sono stati rinvenuti diversi reperti, oggi conservati in un museo. Negli ultimi anni sono state anche ricostruite alcune palafitte per dare l’idea di come vivevano i nostri antenati, dove mangiavano, com’era organizzato lo spazio interno di una casa. L’intera area è stata dichiarata Patrimonio Unesco nel 2011.

palafitte

Durante l’estate organizzano anche attività per famiglie. Qui trovate tutte le info: http://www.palafitteledro.it/

Come arrivare al Lago di Ledro

Per arrivare al lago di Ledro, se arrivate da Rovereto / Mori come me, dovete percorrere la strada che vi porta al Lago di Garda, e sbuca in prossimità di Riva (o se preferite saltare il traffico, passare da Arco). Una volta lasciato alle spalle il Lago di Garda, dopo una lunga galleria e una strada che sale piano piano, dopo una curva si apre il Lago di Ledro, con le sue acque verdi. La prima cosa che vedi sono le famose palafitte. Dopo pochi metri la prima spiaggia di Molina.

lago_ledro_panorama

Se ti piacciono i laghi leggi anche:



Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
wpDiscuz