4 luglio 2017 • Nessun commento

Naya beach a Creta

In evidenzaMare

Questa volta comincio a raccontare la mia recente vacanza in Grecia, a Creta, fatta con il mio compagno e il nostro bimbo di 2 anni, con la recensione del luogo dove ho scelto di pernottare. In molti, dopo aver visto le mie foto postate sui social, soprattutto su Instagram, mi hanno chiesto dove poter dormire a Creta.

Quindi parto dalla mia esperienza con il Naya Beach, un piccolo paradiso che per una settimana è stata la nostra casa greca!

Naya Beach

Tramite Booking abbiamo prenotato presso il Naya Beach, una sorta di Bed and Breakfast a gestione familiare, direttamente sul mare. Le foto sul sito erano carine, le recensioni buone, ma il posto ci ha sorpreso in positivo ancora di più. Di fatto è una casa privata, con 5 camere in affitto, ognuna con ingresso esterno indipendente e un piccolo giardino che gira intorno alla casa.

Sul davanti c’è il ristorante / bar con un bel patio, tutto di legno sui toni chiari, fornito di sedie, tavolini, sgabelli, amache… per accontentare le diverse esigenze dei clienti.

Puoi fare colazione, pranzare, sorseggiare un drink guardando il mare a qualsiasi ora del giorno o della notte, senza alcun disturbo. Accanto non c’è nessun altro: a destra e sinistra campi incolti, semi abbandonati, come capita spesso in Grecia, di fronte hai solo il mare.

Sull’estremità a sinistra del golfo c’è la cittadina di Kissamos, sulla destra si intravede una grande fabbrica. Quel che si dice un posto tranquillo (almeno a giugno).

Colazione e pranzo vista mare

Di fronte alla zona bar c’è un prato verde e poi la spiaggia. Insomma: ti alzi, fai colazione e poi vai in spiaggia. Poi magari a una certa ora ti viene fame, ti accomodi al fresco e ordini un’insalata.

Poi, dopo pranzo, vai in camera per far riposare il piccino, e quando è meno caldo te ne torni in spiaggia a fare un bagno. E magari visto che ci sei ordini uno Spritz da bere sotto l’ombrellone!

Il tutto molto easy. Abbiamo scelto di fissare solo il pernottamento: di volta in volta decidavamo se fare la colazione – super! con yogurt, frutta fresca, caffè o tè, spremuta fresca d’arancia e dolcetto caldo a rotazione, con soli 6 € – o prendere solo un succo o un caffè.

Un paio di volte ci siamo alzati così tardi che abbiamo saltato la colazione per mangiare direttamente il pranzo!

Gli ombrelloni e i lettini in spiaggia sono inclusi nel prezzo e il cameriere ti porta da bere fino lì.

La cucina è aperta tutto il giorno e sono molto disponibili alle richieste dei clienti: hanno preparato la pasta in bianco per il mio cucciolo, condita con olio e parmigiano, buona come quella che faccio io!!!

In menù ci sono per lo più cose tipo insalate (buona la Cesar Salad), Club Sandwich e piatti freddi di affettati, feta e cetrioli, ma il tutto sempre buono, a prezzi onesti.

Dormire con il rumore delle onde del mare

La camera era graziosa e confortevole, arredata con colori allegri.

Era dotata di un wi-fi super veloce, aria condizionata, zanzariera (che non serviva visto che ci sono pochissime zanzare) e un bel frigo dove tenevamo le cose del bambino. Il giardinetto davanti alla nostra terrazzina è stato apprezzato dal piccolo che poteva scorrazzare in libertà. C’era anche una doccia per togliersi il sale o la sabbia prima di entrare in camera. Sul balcone lo stendino per gli asciugamani e i costumi bagnati. La mattina aprivo la tenda della porta finestra e vedevo il mare. Svegliarsi sentendo solo il rumore delle onde è una sensazione stupenda.

La sera era bello bere un cocktail vista mare, al tramonto o anche dopo cena, con la musica giusta di sottofondo. Infatti è frequentato sia da turisti che dai locali.

Forse a luglio e agosto c’è più confusione, non ho idea. Ma anche durante le serate più affollate, con la musica e tutto il resto, le camere erano silenziose.

Il tutto in totale sicurezza, infatti mio figlio di 2 anni andava e veniva dalla camera alla spiaggia, passando per il bar o il prato.

Una calda accoglienza

Anima del Naya Beach è Aris, un ragazzo greco apparentemente dai modi ruvidi, in realtà molto gentile e disponibile. Pelle scura, arsa dal sole, occhi celesti quasi di ghiaccio, che mostra raramente (ha sempre gli occhiali da sole!) e un cuore d’oro. In qualsiasi posto di Kissamos dicessimo che dormivamo da lui, abbiamo sentito solo parole buone nei suoi confronti.

E posso confermare che anche con nostro figlio Oliver è stato davvero paziente, nonostante i suoi piccoli capricci! Affettuosa anche la mamma, che faceva un sacco di feste al nostro bimbo e gli ha insegnato a dire ciao in greco (Yassou).

Il posto è talmente suggestivo che ci fanno pure i matrimoni!!!

Siamo rimasti molto soddisfatti sia per la scelta del Naya Beach che di Kissamos.

Il mare davanti al Naya Beach è abbastanza bello: certo non è ai livelli dei Elafonissi, ma l’acqua è pulita (tranne un giorno che c’era mare mosso). La spiaggia è di sabbia, ma qua e là ci sono sassi. Perciò se temete che vi diano fastidio procuratevi le scarpette per entrare in acqua. Io giravo con le infradito.

Per entrare in acqua c’è una piccola striscia sassosa, ma già dopo 30/40 cm c’è solo sabbia, e molto morbida! sembra moquette. Ideale per camminare, nuotare, giocare a palla. Come già detto io ero con mio figlio di due anni e lui si è molto divertito (all’inizio una bella ciambella gonfiabile ha aiutato).

Poi quando avevamo voglia di vedere una spiaggia da cartolina, abbiamo preso la macchina e in meno di 1 ora siamo arrivati a Elafonissi, la celebre spiaggia rosa: fondali turchesi, acque basse e cristalline e un bagnasciuga che non ha niente da invidiare alla nostra spiaggia di Budelli in Sardegna!

 

Ti interessano le isole greche? leggi gli altri miei post:



Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
wpDiscuz