17 agosto 2013 • 3 commenti

Stromboli

Mare

Di tutte le Eolie probabilmente Stromboli è l’isola più famosa. Se nelle altre isole si intuisce l’origine vulcanica, qui se ne hanno le prove, dal momento che è un vulcano attivo!
Il vulcano ha il suo fascino, via via che ti avvicini in barca, lo ammiri e ti conquista sempre di più, con la sua mole che si stacca dall’orizzonte (oltre 900 metri).

Arrivare a Stromboli in barca a velaArriviamo via mare da Panarea, e il primo centro abitato che incontriamo, anche se ci vuole coraggio a chiamarlo così dal momento che saranno sì e no 4 case, è Ginostra. Ti domandi come facciano a vivere qui e come facciano ad arrivare alle case, visto che non si intravedono neppure le strade.
Ginostra sull'isola Stromboli, Eolie

Una volta sbarcati nell’altro centro abitato dell’isola, non potrò fare a meno di notare le numerose offerte di gita a Ginostra via mare, con aperitivo incluso. Ma il posto è delizioso, e verrebbe voglia di affittare una di quelle casine bianche.

Centri abitati di Stromboli: Ginostra

Appena svoltato l’angolo – chissà se si può parlare in questo modo, quando si è a bordo di una barca – ecco la ‘sciara‘ ovvero la colata lavica dove atterrano i lapilli, i sassi e tutto ciò che il vulcano butta fuori. Il vulcano di Stromboli erutta ogni 15-20 minuti dalle sue 2 bocche, e lo fa sempre in questa direzione.

sciara di lava a StromboliA volte l’eruzione è una semplice nebulosa di gas, a volte sono veri e propri lapilli. Di giorno si nota poco, è di notte il vero spettacolo. Infatti torneremo più tardi. Bisogna essere “fortunati” per vedere qualcosa di grosso. Ma altrettanto nel non vedere niente di troppo grosso! come nel dicembre 2002, quando una forte eruzione scatenò uno tsunami con onde di 7-8 metri, e un maremoto avvertito anche in Calabria e Sicilia.

Stromboli sciara di lava

Prima di ripartire, ci facciamo un bagnetto al volo, con un po’ di ansia a nuotare davanti alla “Sciara del Fuoco”… senza gettare l’ancora, dal momento che la profondità del mare è di circa 1000 metri (!). C’è un po’ un paradosso nell’avvertire il pericolo incombente di questo gigante, che ogni tanto provoca danni, ma allo stesso tempo attira turisti da tutto il mondo.

Stromboli sciara del fuoco vulcano eruzione

Sbarchiamo a Ficogrande, non lontano dal Porto, e subito veniamo assaliti da folle di turisti in costume, pareo e infradito che mangiano pizzette, comprano souvenir e vengono quasi investiti dagli scooter e dai veicoli (molti elettrici) che sfrecciano come disgraziati lungo le strette strade di Stromboli. Alla faccia del vulcano, qui sembra di essere a Rimini. Peccato.

tour e gite a stromboli

Sull’isola, oltre alle gite via mare, ci sono molti tour organizzati di trekking per arrivare sulla cima del vulcano. Negozi che noleggiano scarponi e attrezzatura fanno il loro buffo contrasto col mare blu in lontananza. Verso le 19 vediamo diversi gruppi che salgono, li vedremo scendere a notte fonda con le pile. Col senno di poi, forse l’avrei fatto pure, anche se il caldo non incoraggiava.

centro di StromboliIl centro del paese è un pullulare di negozi di souvenir e ristoranti, dove non ti accettano se vuoi solo bere, nonostante l’insegna “bar”. Intanto lui, lassù, fa le sue fumatine. Ma nessuno qui sembra curarsene, più di quanto trovare un posto per una buona granita. Arriviamo nella bella piazzetta panoramica, dove un bar straripante di turisti ci fa gola. Ci trattano così male (“se non volete mangiare dovete sedervi sul retro“), che decidiamo di non sederci e proseguire.
casa rossellini e bergman a stromboliProseguendo la nostra passeggiata passiamo davanti anche alla casa dove girarono il film, vissero, si innamorarono Ingrid Bergman e Rossellini. Chissà com’era Stromboli quando ci vennero loro.

Ridiscesi verso il mare, fra scorci incantevoli e angoli tenuti davvero male (gli spazi comuni sono lasciati all’incuria, con rifiuti, bottiglie di plastica e altro), e stando ben attenti ad evitare scooter e api, che credono di correre il Gran Premio, troviamo finalmente quello che cercavamo.
fare un aperitivo a Stromboli

La Tartana Club: un bel locale dove prendere un aperitivo tranquilli, sul mare, senza essere trattati male.
Dove prendere aperitivo a StromboliCi concediamo 4 Spritz e ci portano pure dei micro assaggini (olive, formaggio). Paghiamo 10 € a testa, lo trovo giusto. Servizio cortese, musica di sottofondo. Un paradiso.
ristorante a Stromboli

All’ingresso – è pure ristorante – una bella composizione di stelle marine e pietre nere laviche. Qui anche le spiagge sono nere, di una sabbia finissima davvero bella.
tramonto a StromboliL’immagine di Stromboli al tramonto è una delle più suggestive, lontano dalle folle. Torniamo sulla nostra barca ormeggiata non lontano da Strombolicchio, piccolo scoglio anch’esso di origine vulcanica, dove c’è solo un faro, oggi meccanico.


Stromboli mi è piaciuta molto, come isola, ma la consiglio fuori stagione. Per non averne un’impressione caotica e distorta. E con la consapevolezza che il signor vulcano lassù può risvegliarsi quando vuole! Quindi occhio.



Lascia una recensione

3 Commenti on "Stromboli"

Notificami
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
trackback

[…] – Stromboli […]

trackback

[…] – Stromboli […]

trackback

[…] di bollicine, dove è piacevole nuotare. Dopo questa sosta abbiamo proseguito il tour alla volta di Stromboli, l’isola con il vulcano attivo, che erutta ogni 15 minuti. Passare di giorno davanti alla […]

wpDiscuz