23 agosto 2013 • 2 commenti

Lipari, alle Eolie

Mare

La prima volta che sono sbarcata a Lipari non ho avuto molto modo di apprezzare l’isola. O meglio avevo fatto un giro con il motorino, anche per ammirare il panorama che si vede verso Vulcano e verso Salina, ma non avevo fatto due passi in paese. Invece consiglio di fare una bella passeggiata per Lipari “città” (anche se definirla così è un po’ buffo, visto che sono poco più di 10.000 abitanti) e perdersi nei vicoli del borgo intorno alla Marina Corta.

20130817-110934.jpg
Come punto di partenza suggerisco di salire a piedi verso la zona del Castello, che comprende il Museo Archeologico Eoliano, molti resti del periodo neolitico (tenuti un po’ male a dire il vero) e la Cattedrale di San Bartolomeo con un bel Chiostro Normanno dell’anno 1000 (ingresso 1 €). I musei chiudono presto, ma vale la pena anche solo passeggiare lungo le mura, la vista da lassù è davvero bella.

Chiesa Lipari
Davanti alla Chiesa, una scalinata riporta giù in centro al paese.

20130817-111115.jpg

Percorrendo le varie stradine si arriva al porto della Marina Corta, dove attraccano piccole imbarcazioni (gli aliscafi e i charter invece hanno il loro spazio alla Marina Lunga). Secondo me si respira una bella atmosfera, con i bar, la musica e i negozi. Non perdetevi il Presepe (aperto anche in estate!) all’interno della chiesetta sul molo, che qui vedete in foto: la Chiesa delle Anime del Purgatorio.
20130817-111244.jpg
Se dopo tanto camminare vi viene voglia di fermarvi per un bicchiere di vino, suggerisco una sosta da Gilberto e Vera in via Garibaldi. Non giudicate male dall’aspetto, è vero che è (anche) una paninoteca, ma se entrate, capirete che sono tutt’altro che sforniti in fatto di vino.
Enoteca a Lipari Gilberto e Vera
Oltre 1000 bottiglie, con un bell’assortimento di vini siciliani. Il titolare è molto preparato. Non soprende che siano il numero 4 per Triapdvisor.
Migliore enoteca a Lipari
Dalle 18 fanno un piccolo aperitivo con olive, e pane croccante piccante. Costo di un bicchiere: 6 €. Direi ok per un aperitivo a Lipari.
dove fare aperitivo a lipari
La parte che mi è piaciuta di più del paese, è quella intorno al porto Marina Corta, dove abitavano un tempo i pescatori: un dedalo di stradine, chiamato “Sopralaterra che Google Maps fa fatica a tracciare. Sono strade strette, con piante nei vasi lungo la strada e angoli di verde alle finestre e alle terrazze, che sfidano le leggi di gravità. Passeggiando, avrete la sensazione di entrare nelle case della gente, visto che molti tengono porte e finestre spalancate.
20130817-111335.jpg
E a un certo punto vi ritroverete circondati da murales molto pittoreschi, creati qualche anno fa da artisti locali, che mostrano scene di vita quotidiana. Il confine fra finzione e realtà sarà difficile da stabilire. E intanto fra la musica di un appartamento e il profumo di bucato, sarà piacevole perdersi, fino al tramonto.
20130817-111342.jpg

Vedi anche i post:

Stromboli

In barca alle Eolie



Lascia una recensione

2 Commenti on "Lipari, alle Eolie"

Notificami
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
trackback

[…] fine del giro ci siamo fatti due passi per Lipari, per poi andare a cena. Il centro di Lipari merita una visita (ne parlo qui). Dopo i vari giri, finalmente siamo andati al nostro molo per […]

trackback

[…] all’estremità occidentale, sono meno affollate, e meno frequentate da turisti rispetto a Lipari, Stromboli o Panarea. Sono due isole fra loro piuttosto simili. All’arrivo via mare, si nota […]

wpDiscuz