24 luglio 2014 • Nessun commento

Una giornata a Gozo e Comino

MareViaggi in Europa

Sono passati alcuni mesi, ma finalmente riesco a parlare di questo posto delizioso. Se andate a Malta per almeno 4 o 5 giorni, vale sicuramente la pena fare un salto nella piccola isola di Gozo, a nord. Per andare a Gozo ci sono molti tour ed escursioni da un giorno, con partenza anche da Sliema, ma potete benissimo prendere un traghetto da Ċirkewwa, come abbiamo fatto noi (costo andata + ritorno 4.65 €). Ci sono abbastanza corse e i traghetti sono grandi, con tanto di bar e bagni.

gozo bus

Una volta di là, se non avete la macchina (sul traghetto potete portarla), ci sono i bus di linea che coprono l’isola di Gozo abbastanza bene. Vi sconsiglio di usare i bus Sightseeing: io non ho avuto una gran esperienza. Fermate saltate, autisti scortesi, audio che non funziona 3 seggiolini su 4… e il peggio che può capitarvi: siccome l’itinerario passa 3 volte dalla stazione di Victoria, molte persone prendono la corsa sbagliata, ovvero quella che torna al porto, anzichè quella che completa il giro dell’isola. E’ successo anche a noi, motivo per cui non sono riuscita a vedere molto. Inoltre se si paragonano i 17 € con 1.50 € del bus di linea, si capisce che è davvero folle prenderlo.

L’isola di Gozo

L’isola di Gozo è abbastanza diversa da Malta: molto più rurale, piena di campi coltivati (le specialità sono la patata e il pomodoro), più selvaggia. Vi capiterà di vedere carretti tirati da cavalli, mulini a vento, contadini nei campi. Le case, a volte con terrazzi importanti, sono costruite con una bella pietra gialla, porosa, e sebbene a volte diano la sensazione di essere un po’ disabitate, le ho trovate belle. Qui non ho visto i balconi verdi o blu tipici di Malta.

Le rovine di Ggantija

gozo temple ruins

Se amate l’archeologia, potete fare un salto ai templi megalitici di Ggantija, risalenti a 5000 anni fa, “parenti” di quelli di Hagar Qim e Mnajdra, a Malta. Il biglietto d’ingresso è piuttosto caro (9 € adulti, 7 € ragazzi e over 60). A livello di resti, non c’è molto, di fatto sono due costruzioni di pietra, con dentro resti di altari sacrificali e poco più. Ma il museo interno è molto ben fatto.

museo a gozo

Si capiscono molti aspetti della storia dell’isola. Inoltre la zona è inserita in un contesto naturale che a me è piaciuto. Purtroppo qui non sono stati messi i teloni a riparare dalle intemperie, motivo per cui sono un po’ in stato di decomposizione.

Ggantija tempio

L’area è aperta da lunedì a domenica, dalle 9 alle 17. Ultimo ingresso alle ore 16.30. Sono chiusi a Natale, Capodanno.

tempi preistorici a gozo

Se ci andate, fermatevi al minuscolo negozietto di souvenir che si trova di fronte. Sembra la classica trappola per turisti e invece troverete due gentili signori, con un piccolo spaccio che vende di tutto. Ho acquistato una bustina di sale di Gozo, che sto centellinando ancora oggi, a distanza di mesi, perché è buonissimo!!!

negozio a gozo dove comprare sale

La Cittadella

A Victoria invece ho visto la Cittadella, carina. Racchiusa da mura, composta da vicoli e palazzi storici, si arrampica sulla cima di una sommità dalla quale si vede un bel panorama.

vicoli cittadella gozo

Tenete presente che la visitate in pochissimo tempo. Quando abbiamo fatto la nostra visita c’erano un po’ di lavori in corso che non aiutavano ad apprezzare il luogo. Ma nel complesso è graziosa (niente a cui vedere con Mdina!). Appena entrati dentro le mura ci si trova davanti alla Cattedrale dell’Assunzione della Vergine Maria, il cui ingresso però è a pagamento.

cattedrale assunzione vergine maria gozo

Abbiamo pranzato in un bar fuori dalle mura. Ci sono molti locali e ristoranti, cercate di evitare i più turistici. Se vi fermate assaggiate il famoso formaggio di Gozo, con il pepe. A me è piaciuto. Altre cose tipiche: il sale, il miele, i capperi.

Per il resto l’isola è piacevole anche solo da girare così, a perditempo. Ovviamente in estate ci sono le spiagge. Ma noi eravamo nella mezza stagione e il clima non ci permetteva di godere del bel mare. Avrei voluto vedere anche il famoso Blue Hole, detto anche Azure Window, ovvero un arco naturale nell’acqua vicino a  Dwejra Bay, ma come dicevo a causa della confusione con il bus non abbiamo potuto vederlo.

gozo azure window

Comino e la Blue Lagoon

In compenso, dal momento che siamo arrivati al porto con tanto anticipo, rispetto alla tabella di marcia, abbiamo deciso di prendere una barchetta che per 8 € (costava 10 € ma trattando ci ha fatto lo sconto) ci ha portato fino a Comino per ammirare la Blue Lagoon, che è davvero bella.

ARRIVO A COMINO

Purtroppo mi dicono che in estate sia impossibile avvicinarsi, tanto è affollata. Ed è anche piena di meduse. Peccato perché l’acqua è spettacolare e sembra di essere ai Caraibi.

spiaggia blue lagoon

Una volta a Comino, siamo scesi a piedi, abbiamo fatto qualche foto. Nonostante il tempo non fosse bellissimo qualche ragazzo impavido faceva il bagno (ad Aprile!). Ci sono molte barche che arrivano sia da Gozo che da Malta, dalla mattina alla sera.

laguna blu comino

Credo che non si possa dormire a Comino, perché io non ho visto costruzioni, ma tutto intorno è pieno di baie e insenature, da esplorare via mare. Infatti dopo un po’ noi siamo risaliti su un’altra barca che prima ci ha fatto avvicinare a 3 belle grotte – solo vederle da fuori! – e poi ci ha riportati al porto di Malta.

TOUR DELLE GROTTE A COMINO

Dal porto alla Valletta con un bus privato ci abbiamo messo si e no 45 minuti.

Un’ultima curiosità: sulla strada per il porto abbiamo intravisto il villaggio di Braccio di Ferro, ovvero il set del film Popeye, oggi un parco a tema per bambini. Era carino!

This post was brought to you as a result of the Blog Island Malta campaign, created and managed by iambassador in partnership with the Malta Tourism Authority and the support of Air Malta. Io Amo i viaggi maintains full editorial control of the content published on this site.



Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
wpDiscuz